Il pallido Enrico

Mamma Oca
Quando passava Enrico, la gente scuoteva la testa: “Com’è pallido, quel bambino”.
Anche la mamma, quando a giorni alterni portava Enrico dal dottore, non faceva che ripetere. “Guardi, dottore, com’è pallido il mio bambino”.

Mengaldo spiega “Com’è la poesia”

Battista Falconi
La letteratura italiana nasce in ritardo rispetto ad altre letterature europee ma i suoi primi classici resteranno come i fondatori della lingua letteraria, da Dante a Petrarca e Boccaccio, mentre per esempio i tedeschi dovranno attendere Goethe e i russi Puskin.

La scelta

di Gladis Alicia Pereyra
Sedette di scatto sul letto, gli occhi sbarrati sul buio della stanza, il cuore saltellante, la mente ancora avvolta nelle nebbie del sonno. A tentoni cercò l’interruttore e accese l’abatjour.

Le due protagoniste del mio 8 marzo

di Piera Mattei
L’8 marzo è la Festa della Donna. Questo termine, Donna, e la necessità del suo pieno riconoscimento, nel contesto di una celebrazione, lo sento rivolto soprattutto ai politici e ai giuristi, perché almeno prima della fine dei tempi, la parità tra i sessi diventi non solo un’enunciazione ma una realtà.

Le impossibili guarigioni di Kim Rossi Stuart

di Piera Mattei
Anche se in copertina a vivaci colori una giovane coppia, circondata solo dal mare, si scambia un bacio appassionato, sconsiglierei a un uomo il regalo di questo libro a una ragazza.

Dèi e idee di Marcello Veneziani

di Marco Ferrazzoli
Marcello Veneziani affonda solidamente le proprie opinioni, posizioni, idee in una base culturale fuori dal comune, la stessa su cui poggia la sua seducente capacità dialettica