Gamaleri commenta le omelie di Papa Bergoglio

Le omelie che Papa Francesco pronuncia alle sette del mattino durante la Messa a Santa Marta – quasi meditazioni personali pronunciate ad alta voce davanti a una ristretta assemblea – non solo sono riflessioni e preghiere suggerite dai testi sacri, ma indicano anche le strategie che attuerà nel corso degli importanti appuntamenti che giorno dopo giorno si troverà ad affrontare.

Storia semiseria di un giovane brillante

Era un giovane brillante che faceva di tutto per apparire opaco e questo, a volte, gli creava un’inquietudine che sfociava in malumori improvvisi che scomparivano con la fugacità di un baleno. Era un maestro in mandare indietro stati d’animo che avrebbero potuto fornire qualche indicazione sul suo vero io.

Dal diario di una Cincia

Sono giorni che vado svolazzando per parchi e giardini di Roma. Non che sia un’incontentabile, ma quando c’è di mezzo la prole occorre essere prudenti.

Wislawa Szymborska: Il Mondo non merita/la fine del mondo

La scorsa estate, a Varsavia, ho incontrato una bibliotecaria gentile amante dell’Italia e della poesia. E poiché da Varsavia ero diretta a Poznan e lei è originaria di Cracovia, il discorso non poteva non cadere su Wislawa Szymborska che nella zona di Poznan era nata e che a Cracovia è vissuta per la maggior parte della sua vita.

Una saga letteraria per ragazzi da 20 milioni di copie vendute: “Vampiretto”di Angela Sommer Bodenburg diventa un film

Una saga letteraria per ragazzi da 20 milioni di copie firmata dalla scrittrice tedesca Angela Sommer-Bodenburg: “Vampiretto” (edita in Italia da Giunti Editore). Una serie di 21 volumi, partita nel lontano 1979, tradotta in più di 30 lingue e oggi diventata un film d’animazione di Richard Claus e Karsten Kiilerich – nelle sale dal 26 ottobre per Notorious Pictures -, purtroppo fedele all’originale solo nella struttura e nei personaggi

Si chiama Gabriele come l’arcangelo

“Si chiama Gabriele, come l’arcangelo. Gabriele Contini e come l’arcangelo è bello”.  Quelle parole le ronzavano nel cervello come un insetto grasso e fangoso, pungevano ogni pensiero e lo facevano esplodere. La sua testa era un ammasso di pensieri frammentati. Aveva parcheggiato dalle parti di Villa Borghese, evitando il solito garage per paura che stesse lì ad aspettarla, come faceva a volte quando non passavano la notte insieme.

Storia di Simona e di suo cavallo Arteno detto Ciccio…

Nella lontana città di Equinopoli, a tutti i bambini che avevano raggiunto l’età per tenersi in sella veniva regalato un cavallo. Quelli che vivevano nella città di Equinopoli e dintorni erano cavalli molto speciali: sapevano parlare con molta proprietà, competenza e in almeno quattro lingue su un gran numero d’argomenti.

Olimpia

Provavo un’attrazione morbosa per lei, più spirituale che carnale. Olimpia era una ragazza bellissima, ma triste. Prostrata sulla sedia a rotelle, usciva raramente di casa grazie alla buona volontà del fratello Eros.