“Goldstone – Dove i mondi si scontrano”

Un dramma thriller, anzi un western contemporaneo, oppure un noir in uno sperduto e desolato paesino del deserto australiano. Tutto questo e altro è il sorprendente “Goldstone – Dove i mondi si scontrano” scritto, prodotto, diretto, fotografato, musicato e montato da Ivan Sen nel 2016, autore a tutto tondo premiato con cinque AACTA (l’Oscar australiano)

“Edison – L’uomo che illuminò il mondo”

Arriva con due anni di ritardo (travolto dal caso Weinstein, il produttore qui non accreditato) sugli schermi italiani “Edison – L’uomo che illuminò il mondo” di Alfonso Gomez-Rejon, texano, naturalmente di lontane origini, messicane (premiato al Sundance Film Festival per “Quel fantastico peggior giorno della mia vita”, del 2015)

“The Deep” (Djùpiò)

Da un fatto realmente accaduto in patria, il produttore e regista islandese Baltasar Kormàkur ne trae – nel 2012 – un dramma esistenziale su un enigma, anzi un miracolo, ovviamente inspiegabile, di sopravvivenza, raccontandolo come un thriller teso e realistico in alto mare e sulle sue ‘conseguenze’

“Il ritratto negato”(Powidoki)

Arriva nelle sale italiane il film testamento del maestro polacco Andrzej Wajda, a tre anni dalla sua morte (9-10-2016): “Il ritratto negato” (Powidoki). E’ il ‘ritratto’ biografico degli ultimi anni del pittore Władysław Strzemiński

“L’ultima ora”

Presentato nella selezione ufficiale della 75.a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e insignito da una menzione speciale al Sitges – Catalonian International Film Festival, “L’ultima ora” (l’Heure de la Sortie) è un ambizioso thriller metaforico, opera seconda del francese Sébastien Marnier

“Carmen & Lola”

“Carmen & Lola” è il sorprendente lungometraggio d’esordio – sceneggiato e diretto – della regista spagnola Arantxa Echeverria, presentato e acclamato da critica e pubblico alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes 2018, e poi vincitore di due Premi Goya per la Miglior Opera Prima e per la Miglior attrice non protagonista

“Arrivederci Professore”

Da un soggetto non certo originale (il malato terminale che decide di riprendersi e godersi la vita che gli resta), un dramma sui toni della commedia, ovvero il consueto ‘dramedy’ americano. Un film su misura per il divo Johnny Depp