Francesca Archibugi presenta “Gli sdraiati”, padre e figlio “pezzi unici”

Francesca Archibugi – sempre coadiuvata dallo sceneggiatore Francesco Piccolo – alle prese con una commedia/non commedia, liberamente tratta dal bestseller omonimo di Michele Serra “Gli sdraiati”, che già aveva ispirato lo spettacolo teatrale dello stesso Claudio Bisio, anche qui protagonista. Però non si tratta più del lungo monologo di un padre – sorta di lettera aperta -, ma di un racconto cinematografico che non solo porta ‘in scena’ il figlio

“Gramigna” di Sebastiano Rizzo, la storia vera di un giovane che ha detto ‘no’ alla malavita

“Gramigna – Volevo una vita normale” di Sebastiano Rizzo, racconta una storia vera di mafia, anzi di camorra, ma dal punto di vista di un figlio che non vuole seguire le orme del padre e ha ‘detto no’. Un fatto eccezionale, positivo, che si discosta dalle ormai popolari “Gomorra”, “Suburra” e via dicendo. Perché ormai l’obiettivo si è spostato dentro (casa) anziché fuori. Infatti, tutto cominciò oltre quarant’anni fa, prima con “Il Padrino”, poi sul piccolo schermo con “La piovra”, dove il punto di vista però era quello del poliziotto

I film della Festa del Cinema che vedremo e non: da “Borg – McEnroe” a “The Movie of My Life”

I film della selezione ufficiale della 12.a Festa del Cinema di Roma erano in gran parte, nel bene o nel male, interessanti; alcuni per l’autore, altri per l’argomento trattato, non ultimi quelli che prendevano spunto da una ‘una storia vera’ – diventate sempre più spesso tema di film e fiction -, oppure tratti da libri, molti di essi ispirati alla realtà. Nella maggior parte in uscita ora o prossimamente nelle sale italiane, ma purtroppo altrettanti senza ancora una distribuzione italiana

Louis Nero presenta il suo film più ambizioso “The Broken Key” con un cast internazionale

“The Broken Key” (La chiave spezzata), scritto, prodotto e diretto da Louis Nero, autore di “Rasputin” e “Il mistero di Dante”, è sicuramente il suo film più ambizioso, non solo nella realizzazione e nel cast, ma anche nella narrazione e nel linguaggio cinematografici perché tenta di mescolare film di genere e film d’autore. E il risultato è sì, da una parte suggestivo, ma dall’altra racconta una storia che non riesce a trovare un equilibrio formale

Le periferie di Catania nel duro e crudo film di Giovanni Virgilio: “Malarazza” con Stella Egitto

Un film per riflettere e ‘non dimenticare’ perché la vita nelle periferie italiane (non solo) è ancora difficile, e se la speranza è dura a morire, bisogna aiutarla e lottare perché continui ad esistere. Questo e molto altro è “Malarazza – Una storia di periferia”, opera seconda di Giovanni Virgilio (“La bugia bianca”) con Stella Egitto, Paolo Briguglia, David Coco, Cosimo Coltraro, Antonino Frasca Spada e Lucia Sardo, dal 9 novembre nelle sale italiane distribuito da Mariposa

David Lynch, Premio alla Carriera, chiude alla grande la 12.a Festa del Cinema di Roma

Chiusa alla grande la Festa del Cinema grazie alla presenza di David Lynch – da “Eraserhead” e “The Elephant Man” a “Velluto blu”, da “Twin Peaks” a “Mulholland Drive” – a Roma per il Premio alla Carriera, che ha anche avuto un incontro con il pubblico e, nelle ore precedenti ha incontrato anche la stampa internazionale, all’Auditorium Parco della Musica. Una conferenza stampa breve, sobria e naturalmente interessantissima

Il regista premio Oscar Michel Hazanavicius e Louis Garrel presentano “Il mio Godard”

Dopo la presentazione, in concorso, al Festival di Cannes e la recente anteprima italiana a France Odeon, arriva nelle sale “Il mio Godard” (Le Redoutable), il film del regista premio Oscar Michel Hazanavicius (“The Artist”) dedicato a uno dei leggendari maestri della Nouvelle Vague e ispirato al libro della moglie Anne Wiazemsky (interpretata dalla somigliante Stacy Martin, però con il look di Anna Karina (prima moglie e musa) e, quindi, ambientato in pieno ’68 parigino

Dal Festival di Venezia approda la banda di “Brutti & Cattivi” di Cosimo Gomez, ladri diversamente abili

Presentata in concorso nella sezione Orizzonti dell’ultimo Festival di Venezia, “Brutti e cattivi” è una dark comedy originale, oltraggiosa e bizzarra in cui riferimenti fin dal titolo vanno dalla commedia all’italiana – con Ettore Scola in testa -, il pulp e se volete il trash.

Nelle sale italiane dal 19 ottobre, l’opera prima dello scenografo fiorentino Cosimo Gomez , è infatti un mix esplosivo di generi politicamente scorretto