Al GattomerlinoSpazio poesie di Fernando e Luca Fidanza

Sabato 23 novembre, ore 18

GATTOMERLINOSPAZIO

Borgo Vittorio 95 – Roma

Presenta

Poesie musicate e cantate da Fernando Fidanza
di Fernando e Luca Fidanza, Alessandro Romanello, Flavia Cidonio
con al piano elettronico Carlo Ferro
alle chitarre Alessandro Romanello e Fernando Fidanza

Fernando Fidanza
Luca Fidanza

Cina: le radici profonde

cina

Il rispetto per gli anziani in Cina ha radici profonde. Uno dei cardini della filosofia confuciana è quello della Pietà filiale, una virtù che viene esaltata e ritualizzata in uno tra i più importanti testi confuciani, il Classico della pietà filiale, il “孝经” (Xiao Jing). È interessante analizzare i due caratteri cinesi che formano il concetto di Pietà filiale “孝顺” (xiào shùn): 孝(xiào): è composto nella parte superiore da 老(lao), anziano, e in quella inferiore da 子(zi), bambino; 顺(shùn): è un verbo che significa obbedire, seguire.

 Fernando Fidanza

  Finito il liceo scientifico, di fronte alla scelta riguardante la mia carriera universitaria, mi consultai con mio cugino Mauro con il quale ho da sempre un rapporto molto profondo, fraterno, che al tempo studiava cinese. Amavo già da tempo l’inglese, passione nata dalla traduzione dei testi delle canzoni che avevano accompagnato, e che accompagnano ancora, la mia vita. La cosa che mi colpì, parlando con Mauro, fu che non mi consigliò di studiare cinese perché era la lingua del futuro o perché avrei trovato facilmente lavoro, ma perché, secondo lui, era una lingua bellissima. Inoltre Mauro, che aveva già visitato la Terra di mezzo, mi disse che la scena musicale cinese si stava sviluppando molto velocemente e che quindi avrei avuto molte occasioni di suonare dal vivo, la mia vera passione.

Luca Fidanza

Ho studiato Scienze Politiche e Sociologia alla Sapienza di Roma, svolgendo diversi lavori nell’ambito statistico e metodologico della ricerca sociale. Nel 2009, dopo un periodo personale di riflessione, il viaggio ebbe inizio. Nei miei quattro anni di permanenza in Cina ho vissuto a Pechino, dove ho lavorato come manager in un ristorante internazionale, e a Weihai, una città della provincia dello Shandong, sulla costa orientale. La Cina mi ha cambiato molto. Mi ha consentito di percepire e osservare le cose da una prospettiva totalmente diversa.

A intervalli lettura degli altri autori

 

Alessandro Romanello

Notifiche d’inesistenza

notifiche

Caldo in aumento su tutta la penisola:
l’idillio si sfrangia nel riflesso d’oro
dalle siepi esauste.
Non un rumore per la via
solo il brusio accecato della mente.

  Sono nato a Piacenza, una piccola città emiliana sulla riva destra del Po, al confine con la Lombardia, nel 1967, da padre leccese e madre piacentina. Vengo da una famiglia laica della piccola borghesia impiegatizia. Ho studiato, per lo più cose letterarie, a Piacenza, Bologna, Pisa e Roma. Dopo anni di insegnamento nelle scuole medie, senza soddisfazioni eccessive, mi sono trasferito a Roma nel 2005, dove lavoro. Sono bibliotecario all’Accademia dei Lincei. Mi potrei definire una sorta di erudito non sistematico, di dilettante di conoscenze e di sensazioni. Anche la musica rock ha avuto e ha una grande importanza nella mia vita: sono stato e forse sono ancora un chitarrista blues discreto. Ho scritto anche qualcosa (per lo più saggi e curatele, tra i quali un’edizione della storica antologia Poeti d’oggi di Papini e Pancrazi) ma, coltivando da sempre, con assiduità, il Lathe Biosas, mi risulta difficile parlare di me stesso. Chi fosse interessato a questi dati li può facilmente reperire in Rete, nel grande Panopticon universale cui tutti ci abbeveriamo. Questo è il mio primo libro di poesie.

Flavia Cidonio

Antimonio

antimonio

Al risveglio
ho sempre cura
di mettere gentilmente in fuga
i fantasmi notturni.
Me li tengo puliti, do loro un nome
a volte persino una casa in cui fare ritorno.
Al solito,
mi mostro fin troppo accogliente
con il tormento
occasionale.

  Flavia Cidonio è nata a Roma il 26 gennaio1992. Ha studiato cinema presso la Scuola internazionale di alta formazione per sceneggiatori e registi cinetelevisivi e drammaturgia presso l’Istituto Engim San Paolo. Collabora con il centro studi Ipermedia CDE di Roma. Ha scritto un adattamento de Le notti bianche, portato in scena con la regia di EmanueleCarboni presso il Piccolo Teatro dei Sassi di Montecelio e lo spettacolo teatrale Finché tempo non ci separi, in scena al Teatro Ivelise di Roma. Ha partecipato all’antologia di racconti Confondendo memoria e desiderio ispirati a La terra desolata di T.S. Eliot, Robin edizioni.