Mercoledì 30 gennaio a Roma presentazione del libro “Luigi Garzi 1638-1721 Pittore Romano”

Mercoledì 30 gennaio 2019, alle ore 17.00, alla Galleria Corsini di Roma (via della Lungara 10) presentazione del volume “Luigi Garzi 1638-1721 Pittore romano” a cura di Francesco Grisolia e Guendolina Serafinelli (Officina Libraria – Milano). Presentano Liliana Barroero e Riccardo Lattuada. L’evento è organizzato dalle Gallerie Nazionali Barberini Corsini, dirette da Flaminia Gennari Santori. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Pittore versatile e abile disegnatore, Luigi Garzi fu celebrato dalla storiografia settecentesca per la sua lunga e operosa attività artistica all’insegna della grazia, dell’eleganza formale, dell’originalità creativa e della fine elaborazione cromatica. Nacque a Roma, dove visse e operò per quasi tutta la sua vita, formandosi giovanissimo presso Vincent Adriaenssen detto il Manciola e completando la propria educazione nelle botteghe di Salomon Backereel e di Andrea Sacchi. Fu membro e principe dell’Accademia di San Luca e reggente della Congregazione dei Virtuosi al Pantheon.

La sua produzione è documentata nella capitale pontificia a partire dagli anni Sessanta-Settanta del Seicento con la realizzazione delle prime opere di destinazione pubblica e privata. Si tratta di imprese che consolidarono la sua fama di impaginatore di pale d’altare e di decoratore a fresco, assicurandogli incarichi anche fuori Roma, tra cui le prestigiose commissioni napoletane degli ultimi anni del XVII secolo. In oltre ottant’anni di vita e di attività artistica, Garzi, come emerge dai contributi raccolti nel volume, si rivela un pittore dalle non comuni capacità ricettive, raffinato esponente della cultura figurativa del Barocco romano e intelligente anticipatore delle istanze del Rococò.