La vera storia del “Transatlantico Rex – Nave N° 296” immortalato da Fellini

Dopo la prima assoluta di Trieste, tenutasi giovedì 17 gennaio al Cinema Ariston, arriva in home video “Transatlantico Rex – Nave N° 296” un film documentario di Maurizio Sciarra. La storia straordinaria della più grande nave della storia d’Italia. Un mito dei mari, dal porto di Genova all’America, da Fellini alle rare immagini dell’Archivio Luce, dalle testimonianze di chi c’era a bordo a chi lo ha visitato sott’acqua, dall’affondamento in guerra alla riscoperta dei sui tesori. Solo 8 anni di vita, ma una leggenda che dura intatta da oltre 80 anni.

Una delle più grandi avventure di un Paese di mare, come è l’Italia, mai raccontate, arriva ora in un film con la potenza delle immagini del passato e la ricostruzione storica, emotiva, fisica di chi vi ha preso parte. È l’avventura del Transatlantico Rex, la leggendaria nave della Marina italiana varata nel 1931 dai cantieri Ansaldo, un prodigio di tecnica e lusso, una macchina industriale che coinvolse migliaia di uomini e rappresentò un vanto non soltanto per il regime fascista, ma per tutta l’industria italiana.

Un mito sopravvissuto alla sua esistenza fisica, durata appena 8 anni, tanti viaggi tra Europa e America, migliaia di passeggeri con storie diverse, il Nastro Azzurro ottenuto nel 1933 con il record di traversata dei due Continenti. Fino alla fine, l’approdo in disarmo nel porto di Trieste e il viaggio finale a Capodistria, dove la RAF inglese bombardò, affondandolo, un simbolo della modernità e della potenza marinara italiana.

Una storia che racconta una temperie storica, una grandiosa impresa industriale, un momento in cui l’Italia dimostrò al mondo – oltre le convenienze comunicative della propaganda del duce – un saper fare, progettare, costruire, che tutt’oggi rimane, con la cantieristica navale che ha ritrovato il suo posto nel mondo, un vanto della capacità industriale italiana. E soprattutto una storia di avventure, ricchissima di memorie, scoperte, ricostruzioni storiche e sogni individuali.

Tutto questo è “Transatlantico Rex – Nave N° 296”, di Maurizio Sciarra (“Alla rivoluzione sulla due cavalli”, “Coppi e la dama bianca”), un film documentario prodotto da Blue film, in collaborazione con Ligurian Ports Alliance, Mediateca Regionale Ligure, co-prodotto e distribuito da Istituto Luce-Cinecittà, che arriva ora in edizione Home video, presentata con alcune proiezioni evento. La prima, è stata giovedì 17 a Trieste, al Cinema Ariston alle 20.30, alla presenza del regista e del giornalista Pietro Spirito. Un primo appuntamento dal sapore fortemente storico e simbolico, in quella Trieste che vide per due anni all’attracco la gigantesca mole del Rex, ferma in attesa della fine della guerra mondiale.

IL FILM

Il film racconta la storia del Rex, il transatlantico più famoso e ricco di leggenda della marina italiana, che giunge dopo più di 80 anni dal suo varo, e dai primi viaggi verso New York. Una vita breve, solo 8 anni, di cui due passati in disarmo nel porto di Trieste, e poi il viaggio finale verso Capodistria, dove, l’8 settembre 1944, un aereo della RAF affondò la nave simbolo della modernità e della potenza marinara italiana.

Soltanto 8 anni, ma anni che hanno creato un mito che è giunto inossidabile fino a noi. Anche perché il Rex inaugurò un nuovo modo di viaggiare per mare. Capace di ben 2022 posti per passeggeri, il Rex fu pensato per permettere ai viaggiatori, ma soprattutto a quei fortunati 378 che viaggiano in prima classe, di fare sport, di divertirsi, di fare vita mondana, di ballare al suono di una vera e propria orchestra.

Insomma, è con il Rex che nascono le crociere moderne. Ma la nave racconta anche degli ospiti della terza classe. Le navi, il Rex in particolare, erano una sorta di metafora di quella divisione per classi, per censo, per bisogni sociali differenti che era la società. Come nella vita reale, tra loro impenetrabili. Per molti il Rex rappresentò il riscatto sociale, la ricerca di un benessere che l’Italia non sembrava loro concedere. La realizzazione di un sogno differente da quello dei “passeggeri di prima” ma pur sempre un sogno. E come un sogno, ma che pare vero, la immortalò Federico Fellini in una delle scene più celebri di tutto il suo cinema, in “Amarcord”.

A fare da Virgilio in questo tesoro di storia e memorie, Maurizio Eliseo, il massimo storico della navigazione italiana, facendoci entrare pian piano nel transatlantico, ricostruendo non soltanto la sua storia, ma il clima che vi si respirava a bordo, le vicende dei suoi passeggeri.

Attraverso il ricco materiale di archivio dell’Istituto Luce e le immagini inedite presenti negli archivi privati di testimoni e appassionati rivivono le tappe della costruzione e dei viaggi del transatlantico. Immagini note e meno note, fino a quelle inedite del bombardamento, scattate dai piloti che l’hanno compiuto.

E ancora le testimonianze, come quella straordinariamente suggestiva di Ezio Starnini, l’ultimo superstite, un signore quasi centenario che all’epoca del primo viaggio era un giovanissimo ascensorista. E quella di Fabio Testi, ingegnere e figlio del marittimo che più a lungo ha viaggiato sulla nave. O quelle di chi, in anni più recenti sul versante di costa sloveno, si è immerso alla scoperta dei tesori sopravvissuti nello scafo inabissato nelle acque.

Si ripercorre così il percorso che alcuni degli oggetti più importanti hanno fatto: stoviglie e sedie, tappeti e bicchieri, la campana di prua e le panche della cappella, le planimetrie e i modelli di costruzione delle principali parti meccaniche.

È così che il film è l’occasione per fare la conoscenza di quel “popolo del mare” che l’Italia ha così poco raccontato. Un popolo fatto di appassionati, cultori, amanti del mare e della marineria. E che diventa un documentario classico nel senso migliore: ricchissimo di informazioni, personaggi, storia e storie, appassionato e avvincente.

Un film di documenti e di avventure, che si gode come un racconto di fiction e ha invece radici saldate nella storia del paese. E nel suo mito.

“Transatlantico Rex – Nave N° 296” con (In Ordine di Apparizione) Sebastian Pelan, Maurizio Eliseo, Paolo Valenti, Fabio Capocaccia, Pierangelo Campodonico, Ezio Starnini, Flavio Testi, Nedjan Kastelic, Slavko Franca, Luigi Merlo, Fausto Carletti, Alberto Imparato, Bernardo Ratti, Marco Ferrari. Soggetto e sceneggiatura Maurizio Sciarra, consulenza scientifica Maurizio Eliseo, direttore della fotografia Federico Annicchiarico, montaggio Letizia Caudullo, musiche Ivan Iusco, fonico Edgar Iacolella. Prodotto da Bruno Tribbioli, Alessandro Bonifazi. 58’ – BN e Colore, HD 16:9 – Stereo

 

MAURIZIO SCIARRA

Regista e sceneggiatore, vincitore del Pardo d’Oro al Festival di Locarno nel 2001 con “Alla rivoluzione sulla due cavalli”, realizza film e documentari. È stato per oltre dieci anni aiuto regista di Luigi Comencini.

Attivo nelle associazioni degli autori italiane ed europee, coordinatore dell’associazione 100Autori, che ha contribuito a fondare, dal 2013 al 2015 e vicepresidente della Fédération Européenne des Réalisateurs de l’Audiovisuel (FERA) dal 2009 al 2012, membro del consiglio di amministrazione dell’Istituto Luce dal 2006 al 2008, cofondatore della rassegna veneziana “Giornate degli Autori”. Attualmente è presidente della Fondazione Apulia Film Commission.