Domani alla Festa del Cinema di Roma “Detective per caso” film con attori professionisti disabili che non tratta assolutamente di disabilità

L’opera prima di Giorgio Romano “Detective per caso” – da un’idea originale di Daniela Alleruzzo – con Emanuela Annini ed Alessandro Tiberi, sarà presentata come Evento Speciale alla Festa del Cinema di Roma, domani 21 ottobre alle 15.30, presso la sala Cinema Hall. Sceneggiato da Aurora Piaggesi e dallo stesso Romano, “Detective per caso” è un film con attori professionisti disabili che non tratta assolutamente di disabilità. E con l’amichevole partecipazione di Claudia Gerini, Paola Cortellesi, Valerio Mastandrea, Lillo, Stella Egitto, Stefano Fresi, Massimiliano Bruno, Andrea Preti, Paola Tiziana Cruciani, Mirko Frezza, Tony Cairoli, Rosaria Renna, Luca Capuano, Mario Ermito e tanti altri.

“Siamo stati i primi in Italia a sfidare il mondo cinematografico – dichiara Alleruzzo -scegliendo attori disabili per interpretare ruoli che sarebbero generalmente interpretati da attori affermati, abbattendo così le barriere che da sempre caratterizzano alcuni mondi, tra cui quello dello spettacolo, dando spazio alle ‘diversità’. Per la prima volta in assoluto, abbiamo realizzato un progetto cinematografico la cui portata potrà farci rivendicare legittimamente una specificità della cultura italiana all’estero”.

“Una grande ‘opera prima’ – prosegue -, non soltanto registicamente parlando, nella quale è valsa la pena investire per dimostrare che il coraggio delle idee è parte integrante di questo Paese, oltre naturalmente a costituire un’iniziativa dalla grande portata culturale e mediatica”.

“E’ una commedia – aggiunge – che tratta temi sociali importanti con leggerezza, declinata in modo da poter sottolineare il talento degli artisti disabili. Lo scopo di questo film è quello di spostare i confini: non ci sono ruoli né gerarchie, non c’è ‘sano’ né ‘malato’. Ci sono esseri umani che vivono le proprie ambizioni e i propri sogni. I personaggi di ‘Detective per caso’ sono, come tutte le persone del mondo, ironici, maliziosi, furbi, spregiudicati. L’innovazione è proprio qui, per come sono trattati i personaggi, approfonditi realisticamente ma anche visti in chiave comica e dissacrante”.

“Sono partita 13 anni fa con un sogno – precisa e chiude la presidente de L’arte nel cuore, e produttore -, prima che un progetto, e i sogni, se ci credi fino in fondo, si possono realizzare. Questo film per noi rappresenta la vera mission della nostra Accademia: dare a persone che in molti chiamano speciali, o diversi, la possibilità di esprimersi artisticamente. In ‘Detective per caso’ sono loro i veri protagonisti, e gli spettatori, che siamo sicuri saranno numerosissimi, non faranno più caso alla loro condizione. Perché sono attori, cantanti veri. Ma soprattutto persone vere. Voglio ringraziare davvero tutti coloro che si sono impegnati per permettere di aggiungere un tassello in più al nostro sogno. Un grazie particolare va al regista del film, Giorgio Romano, e un altro ringraziamento lo vogliamo fare alla Fondazione Allianz Umana Mente, che ha creduto dal primo giorno in questo progetto e ha reso possibile tutto questo”.