Mario Martone e David Cronenberg protagonisti al Festival di Venezia

Oggi alla 75.a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è stata la giornata di David Cronenberg, Leone d’Oro alla carriera consegnatogli da Guillermo del Toro, presidente della giuria e vincitore l’anno scorso con “La forma dell’acqua”; e di Mario Martone, autore del terzo film italiano in concorso, “Capri-Revolution”.

Un film sulla giovinezza e la ribellione, sulla libertà e le comunità culturali e politiche, sul passato che si riflette nel presente, ambientato in “un’isola che è metafora del mondo”, e che chiude la trilogia, dopo “Noi credevamo” sul Risorgimento e “Il giovane favoloso” su Leopardi.

“Ci tenevo che la trilogia – ha dichiarato Martone -, che non era stata pensata come tale a tavolino, si chiudesse con un personaggio femminile forte. Era dai tempi di ‘L’amore molesto’ con Anna Bonaiuto (1995 ndr.) che volevo tornare a una protagonista donna perché credo che in questo personaggio ci sia la contemporaneità di questa storia”.

Scritto con la compagna Ippolita Di Majo, “Capri-Revolution” è una sorta di romanzo di formazione nell’estate 1914 – alla vigilia della Grande Guerra – che racconta l’emancipazione di una ventenne, Lucia (Marianna Fontana), che potrebbe essere una nostra antenata, capace di ribellarsi a una visione patriarcale e oppressiva della donna e scegliere, a ogni costo, la sua libertà. La madre è interpretata da Donatella Finocchiaro.

E come nelle opere precedenti, i protagonisti sono i giovani.

“Volevo raccontare un’Italia che non è doma – conclude il regista -, spinta a interrogarsi, a cambiare il rapporto tra individualità e collettività. Il film presenta mondi e punti di vista diversi: c’è quello arcaico contadino della famiglia di Lucia, l’ideologia del medico, la filosofia della comune. L’isola è luogo reale e una metafora per il mondo, viviamo tempi in cui tutto è improntato a una visione di odio, paura e chiusura, noi tramite la figura luminosa di Lucia, pastorella analfabeta che non teme il confronto con l’altro, vogliamo raccontare il suo processo di maturazione e indipendenza. Lucia si ribella alla famiglia senza mai trasformare la sua ribellione in odio”.

L’altro film in concorso, l’unico diretto da una donna, è stato “The Nightingale” dell’australiana Jennifer Kent, purtroppo, finito (alla proiezione stampa) da un insulto sessista e violento (“vergogna, puttana, fai schifo!”) rivolto all’autrice da uno spettatore non meglio identificato e accompagnato subito all’uscita. Alla presentazione ufficiale invece è stato applaudito da pubblico e addetti ai lavori.

Infatti, l’opera della Kent – dura e crudea – racconta di una donna che si vendica senza sconti dei torti mostruosi e brutali subiti da uomini, in un crescendo di morti ammazzati. Una ragazza irlandese (Aisling Franciosi), ex galeotta, viene stuprata a turno dai soldati inglesi che poi le uccidono figlia neonata e marito davanti agli occhi. E, insieme con un aborigeno infuriato contro i ‘bianchi’ colonizzatori, attraverserà una foresta per tantissimi chilometri fino a compiere la sua feroce vendetta. Il dilemma è quello eterno tra giustizia e terribile vendetta. Nel cast anche Sam Claflin, visto recentemente in “Resta con me”.

Consegnato, dall’Ente dello Spettacolo, il Premio Robert Bresson all’autrice Liliana Cavani, per la prima volta in vent’anni a un regista donna. Domani alle ore 11:00 all’Hotel Excelsior si terrà la consegna del premio collaterale La Pellicola d’oro dedicato ai Mestieri e Artigiani del Cinema Italiano in concorso alla 75.a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Sempre domani, venerdì 7 settembre alle ore 18:00, presso la sala degli Stucchi dello stesso Hotel Excelsior al Lido, la cerimonia di premiazione del “Leoncino d’Oro”, istituito da Agiscuola nel 1989, giunto alla 30a edizione e divenuto nel tempo uno dei premi collaterali più significativi. Alla premiazione saranno presenti Lucia Borgonzoni, Sottosegretario di Stato ai Beni e Attività Culturali; Carmela Pace, vicepresidente nazionale Unicef;  Giuseppe Pierro, dirigente della Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione e la Partecipazione; il Presidente AGIS, Carlo Fontana e Luciana Della Fornace, Presidente Agiscuola.

Ad assegnare il premio, una giuria di giovani studenti e studentesse rappresentanti di tutte le regioni d’Italia, accomunati dalla grande passione per il cinema. I giovani giurati vengono selezionati, ogni anno, fra gli oltre 6.000 ragazzi che compongono le giurie del David Giovani, l’iniziativa rivolta agli studenti e alle studentesse delle scuole secondarie di secondo grado. Gli studenti e le studentesse che aderiscono all’iniziativa hanno la possibilità di assistere alle proiezioni gratuite dei film italiani scelti dall’Ente David di Donatello e a votarne il migliore e, successivamente di partecipare al concorso tramite la recensione di uno dei film visionati. I vincitori di ogni regione, scelti da un’apposita commissione composta da Agiscuola, hanno la possibilità di partecipare, in qualità di giurati, all’assegnazione del premio. Stasera – 6 settembre – i giovani giurati del Premio saranno sul red carpet del film Capri Revolution di Mario Martone, un film dal messaggio importante e attuale per i giovani, pur raccontando un episodio della Storia d’Italia alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale.

I giovani giurati del “Leoncino d’oro” – in seguito ad un accordo siglato con il Comitato Italiano per l’UNICEF – assegnano inoltre il prestigioso premio Segnalazione Cinema For Unicef, riconoscimento istituito dal Comitato Italiano per l’UNICEF istituito presso la Mostra sin dal 1980. I giovani giurati sono chiamati ad assegnare la Segnalazione al film “che meglio trasmetta i valori e gli ideali dell’UNICEF, dando voce e volto ai diritti dell’infanzia”. L’iniziativa ha ottenuto l’obiettivo di sensibilizzare e fornire competenze ai partecipanti sulle potenzialità del linguaggio cinematografico e audiovisivo in ambito formativo, attraverso un programma integrato di formazione, ricerca e sperimentazione destinato agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

Per informazioni

https://agiscuola.it/
tel. 06 88473291