A settembre finalmente in Italia il “Don Chisciotte” di Terry Gilliam con Jonathan Pryce e Adam Driver

M2 Pictures porta nei cinema italiani, dal 27 settembre 2018, “L’Uomo che uccise Don Chisciotte”, attesissimo film scritto e diretto da Terry Gilliam, e presentato all’ultimo Festival di Cannes, dopo una gestazione durata tantissimi anni. “L’uomo che uccise Don Chisciotte” è una storia di fantasia e avventura, ispirata al leggendario protagonista del classico della letteratura: il “Don Chisciotte” di Miguel de Cervantes, pubblicato in due volumi nel 1605 e nel 1615.

Il film è diretto, infatti, da Terry Gilliam, celebre autore di “La leggenda del re pescatore”, “L’esercito delle 12 scimmie”, “Brazil”, “Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo” e “Paura e delirio a Las Vegas”, che ha lavorato al progetto per quasi 30 anni.

Nel cast internazionale i protagonisti sono Adam Driver (“Star Wars: Il risveglio della Forza”, “Paterson”, “Silence” e “Hungry Hearts” di Saverio Costanzo), nel ruolo del neo Sancho Panza, e Jonathan Pryce, in quello del moderno Don Chisciotte, che aveva già lavorato con Gilliam (la saga di “Pirati dei Caraibi”, “I fratelli Grimm e l’incantevole strega”, ed era stato protagonista del cult “Brazil”) nel ruolo di Don Chisciotte.

Assecondano i due attori Stellan Skarsgård (“Le onde del destino”, “Mamma Mia!”, “Will Hunting – Genio ribelle”), Olga Kurylenko (“Quantum of Solace”, “Oblivion”, “To the Wonder” e “La corrispondenza” di Giuseppe Tornatore), Joana Ribeiro (“Portugal não está à venda”, “A uma hora incerta”), Óscar Jaenada (“Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare”, “Cantinflas”), Jason Watkins (premio BAFTA per “The Lost Honour of Christopher Jefferies”, “Trollied”, “W1A”), Sergi López (“Il labirinto del fauno”, “Piccoli affari sporchi”, “With a Friend Like Harry”), Rossy de Palma (“Julieta”, “Donne sull’orlo di una crisi di nervi”, “Three Many Weddings”), Hovik Keuchkerian (“Assassin’s Creed”, “The Night Manager”) e Jordi Mollá (“Criminal”, “Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick”, “Blow”).

Ecco la storia. Toby, cinico regista pubblicitario, si ritrova intrappolato nelle bizzarre illusioni di un vecchio calzolaio spagnolo che crede di essere Don Chisciotte. Nel corso delle loro avventure comiche e sempre più surreali, Toby è costretto ad affrontare le tragiche ripercussioni del film realizzato quando era un giovane idealista, che ha inciso in modo indelebile sulle aspettative e sui sogni di un piccolo villaggio spagnolo. Riuscirà Toby a farsi perdonare e a ritrovare la sua umanità? Riuscirà Don Chisciotte a sopravvivere alla sua follia e a salvarsi dalla morte che incombe? Riuscirà l’amore a trionfare su tutto?