La commedia “Beate” di Samad Zarmandili oggi in anteprima all’arena Nuovo Sacher di Roma

  E’ stato presentato – e accolto con grande curiosità – tra gli “eventi speciali” del 9° BIF&ST Bari International Film Festival, lo scorso aprile. Qui è stato scovato da una società tedesca, la Media Luna New Films, che l’ha inserito in corsa tra i film proposti a maggio al Cannes Film Market, annunciandone subito dopo la distribuzione nel 2019 sul mercato cinese (affamato di commedie italiane che possano ripetere il piccolo exploit di “Perfetti sconosciuti”…).

  Adesso, in attesa dell’uscita nelle sale italiane, “Beate”, ‘commedia sociale’ con cui Samad Zarmandili fa il suo esordio al cinema, dopo tre stagioni dietro la macchina da presa della nota serie di Canale 5 “Squadra Antimafia”, avrà la sua anteprima romana – oggi, venerdì 13 luglio ore 21:30, seguita da un dibattito (Nooo!!) – all’arena del Nuovo Sacher, nell’ambito della rassegna ‘Bimbi Belli’, ideata da Nanni Moretti e dedicata ai più interessanti esordi dell’anno.

  Nel film, un gruppo di operaie tessili in cassa integrazione e a rischio licenziamento, causa delocalizzazione fraudolenta, intraprende un business fuori da ogni regola in combutta con un pugno di suore a rischio di sfratto, per presunta, forse dolosa, inagibilità del convento in cui vivono. Le une e le altre protette a distanza dalla salma mummificata di una ‘beata’, mai diventata ‘santa’ e perciò poco propensa a risolvere i loro problemi.

  Scritto da Salvatore Maira (con Antonio Cecchi e Gianni Gatti) e parzialmente ispirato a storie vere, avvenute in Italia e in Gran Bretagna, “Beate” è interpretato, nel ruolo di una volitiva e disinibita capo operaia, da Donatella Finocchiaro. Accanto a lei, Maria Roveran, Lucia Sardo, Paolo Pierobon, Silvia Grande e una compagine di attrici e attori del Nordest (Anna Bellato, Betti Pedrazzi, Orsetta Borghero, Eleonora Panizzo, Licia Navarrini, Cristina Chinaglia, Francesco Brandi, Andrea Pennacchi. Massimo De Rossi), dove il film è interamente ambientato.

 

  “Ancor più che una commedia, ‘Beate’ è una sorta di ‘fiaba sociale” – dichiarava il regista Zarmandili alla vigilia della prima proiezione del Bif&st – Il filtro della commedia, in questo caso sociale e di costume, è quel che mi ha offerto la possibilità di avvicinare temi forti e tristemente attualissimi, quali sono la perdita del lavoro o la sua delocalizzazione dovuta alla globalizzazione dei mercati, ma di trattarli con levità. Introducendo note di grottesco, soprattutto nella caratterizzazione delle suore e riservando invece alle operaie una connotazione più realistica. Puntando sulla trasfigurazione del racconto, senza tuttavia rinunciare a uno sguardo vigile sulle contraddizioni del presente».

  Debitore, sia pure alla lontana, del mitico “Signore e Signori” di Pietro Germi (ma anche di un certo cinema britannico di questi ultimi anni, e un pizzico del ‘vecchio’ Almodovar), “Beate” è non a caso ambientato nel Nordest, in una cittadina del Polesine veneto e nei suoi dintorni. In quel delta del Po patrimonio mondiale dell’Unesco, dove “accanto a incomparabili bellezze naturali corrono gli scheletri di fabbriche, soprattutto tessili, decimate dalla crisi – aggiunge il regista -. E dove, tuttavia, vivono anche esperienze industriali d’eccellenza costruite sulla tenacia e la dedizione dei lavoratori, soprattutto donne, e della gente del Polesine”.

  Prodotto da Dario Formisano per la sua eskimo, con il contributo, tra gli altri, della Direzione Generale Cinema del MiBACT e del Nuovo Imaie, “Beate” sarà nelle sale cinematografiche nella prossima stagione.