“The Wild Pear Tree” di Nuri Bilge Ceylan in concorso al 71° Festival di Cannes

Il film “Ahlat Agaci” (The Wild Pear Tree) di Nuri Bilge Ceylan è in concorso al 71° Festival di Cannes, e sarà distribuito in Italia da Parthénos. Per l’impegnata casa di distribuzione si tratta del terzo film di Nuri Bilge Ceylan, dopo “C’era una volta in Anatolia” (Grand Prix a Cannes 2011) e “Il regno d’inverno” (Palma d’oro nel 2014).

Nuri Bilge Ceylan debutta al Festival di Cannes nel 1995 con il suo cortometraggio d’esordio, “Koza”. Nel 2005 vince il suo primo Grand Prix con “Uzak” (il film conquista anche il premio per i migliori attori), nel 2006 “Il piacere e l’amore” ottiene il Premio Fipresci della critica internazionale, nel 2008 è premiato per la migliore regia con “Le tre scimmie”. Seguono il secondo Grand Prix nel 2011 con “C’era una volta in Anatolia” e la Palma d’oro nel 2014 per “Il regno d’inverno”.

 

 

Invece, il vincitore della Caméra d’or come migliore opera prima nella precedente edizione del Festival di Cannes, arriverà nelle sale italiane dal 24 maggio, sempre distribuito da Parthénos; si tratta di uno dei casi dell’ultima stagione cinematografica francese, “Montparnasse Femminile Singolare” di Léonor Serraille.

Un gatto sotto braccio, una serie di porte sbattute in faccia, neanche il becco di un quattrino in tasca: ecco Paula (interpretata dalla rivelazione Lætitia Dosch), di ritorno a Parigi dopo una lunga assenza. Incuriosita dalle tante persone che incontra, ha una sola certezza: ricominciare daccapo, con entusiasmo e allegria.