Divertimento assicurato con “Natale in casa Cupiello” presentato dalla compagnia ‘Uno alla volta’

Un teatro affollatissimo per le riuscite rappresentazioni di “Natale in Casa Cupiello” di Eduardo De Filippo (1900-1984), messe in scena dalla Compagnia Teatrale dell’Associazione Culturale Uno alla Volta al Teatro in Portico di Roma nel passato fine settimana. Una delle più celebri commedie – con “Filumena Marturano” – del maestro del teatro internazionale rivive e diverte ancora una volta interpretata da Gennaro Fenizia (Luca Cupiello), Silvia Esposito (Concetta) e Fiorenzo Perrone (Tommasino), anche regista.

Nata come atto unico (oggi il secondo) nel 1931, Eduardo aggiunse alla commedia altri due atti, quello che funge da prologo (1932 -1933) e quello conclusivo (epilogo), dalla cronologia piuttosto controversa (alcuni affermano che fu scritto nel 1934, altri addirittura nel 1943, secondo un’ipotesi più probabile perché avallata più tardi anche dallo stesso autore). Però, Eduardo definirà ancora più tardi la commedia come “parto trigemino con una gravidanza durata quattro anni”.

Come tutti (o quasi) ricorderanno – Eduardo la propose in televisione nel 1962, e poi, con la tivù a colori, nel 1977 – il Natale del titolo si svolge tutto intorno al pranzo natalizio che verrà sconvolto da un dramma della gelosia. Al centro, il ritratto tragicomico del protagonista, Luca Cupiello, figura ingenua di un vecchio dai comportamenti infantili e immerso nelle sue fantasie e nella sua passione/ossessione per il presepe, cui si dedica religiosamente, apparentemente indifferente alle tragiche vicende familiari.

Alcuni sostengono che ci siano anche degli aspetti autobiografici nella commedia, nonostante Eduardo stesso non li abbia mai confermati, però i nomi dei protagonisti, Luca e Concetta sono, infatti, quelli dei suoi nonni.

“Natale in Casa Cupiello”, comunque, non ha bisogno di presentazioni, né di ulteriori riletture o rivisitazioni perché la sua anima è sì napoletana, ma diventa universale e dimostra che riguardo ai sentimenti nulla è cambiato; magari gli ambienti, i rapporti umani e sociali (i social allora non c’erano, anzi nemmeno la televisione) e la tecnologia sono nuove e diverse, ma l’uomo e le sue relazioni no. E, in un certo senso, quella dei Cupiello è una famiglia ‘allargata’ vecchia maniera, che cova al suo interno conflitti e segreti, rancori e rivalità.

Sul palcoscenico di oggi, affiancano i protagonisti gli efficaci Alfonso Gaudiello (Pasquale), Lucia Formicola (Ninuccia), Elio Giorgio Gaggia (Nicola Percuoco), Marco Vitiello (Vittorio Elia), Chiara Roda (Carmela), Gennaro Improta (Luigi Pastorelli), Stefano Tasca (il dottore), Nadia Marciano (Olga Pastorelli), Vincenzo Cristiano (Alberto), Anna Maria Vassallo (Maria). Per gli spettatori lo spettacolo scorre piacevolmente regalandoci oltre due ore di divertimento e per gli attori i meritati applausi.

Del resto, per i suoi meriti artistici e i contributi alla cultura, Eduardo fu nominato senatore a vita dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini e gli furono conferite due lauree honoris causa in Lettere dall’Università di Birmingham nel 1977 e dall’Università degli Studi di Roma La Sapienza nel 1980. Fu anche candidato al Premio Nobel per la letteratura. Eduardo resterà per sempre, assieme a Luigi Pirandello, Dario Fo e Carlo Goldoni, uno degli autori italiani più apprezzati e rappresentati all’estero, dall’Europa all’America Latina, non solo.

Lo spettacolo verrà replicato al Teatro San Genesio (via Podgora 1, Roma) sabato  24 febbraio alle ore 20,00 e  domenica 25 febbraio alle ore 18,00. Il ricavato della vendita dei biglietti sarà devoluto in beneficienza all’Associazione “Il Ponte Onlus” (www.ilponte2008.org) che svolge la sua attività principalmente in favore dell’integrazione socio-culturale e per l’affermazione del diritto di cittadinanza dei giovani disabili; si occupa della promozione di abilità sociali finalizzate allo sviluppo affettivo e relazionale, fino al raggiungimento e all’acquisizione di competenze indispensabili per la ‘vita indipendente’.

Inoltre, la compagnia dell’Associazione Culturale Uno alla Volta parteciperà alla 4.a edizione della rassegna teatrale “Domenica in… Compagnia” – domenica 18 marzo  alle ore 18,00 –  presso il teatro “Giovanni Paolo II Attore” della parrocchia San Bonaventura da Bagnoregio – Via Marco Calidio n. 22 Roma – ingresso libero.

Per informazioni e prenotazioni scrivere a: unoallavolta2017@libero.it oppure inviare messaggio face book o telefonare al 3666694799 (Silvia)