“Dickens – L’uomo che inventò il Natale”

Presentato in anteprima al recente Torino Film Festival, arriva nelle sale italiane per Natale “Dickens – L’uomo che inventò il Natale”, appunto, diretto da Bharat Nalluri e tratto dal romanzo biografico (2008) di Les Standiford: “The Man Who Invented Christmas: How Charles Dickens’s ‘A Christmas Carol’ Rescued His Career and Revived Our Holiday Spirits”. Sceneggiato da Susan Coyne con lo scrittore stesso, è una più che piacevole viaggio nella vita e nella mente del celeberrimo scrittore Charles Dickens, proprio nel periodo della creazione della favola natalizia per eccellenza della letteratura mondiale.

Infatti, prima di diventare un ululato nella notte, “Ebeneeeezer Scrooooge” è il grido di un fantasma incatenato, il personaggio dell’avido finanziere londinese (interpretato dal premio Oscar – che doveva prendere almeno trent’anni prima – Christopher Plummer) che si aggira e ossessiona nella mente e nei sogni un giovane Dickens (bravo Dan Stevens, da “Downton Abbey” a “La Bella e la Bestia”) affetto dal blocco dello scrittore e da crisi economica. Nella Londra Vittoriana, Dickens, a causa del mantenimento della sua numerosa famiglia e delle sue abitudini stravaganti, si ritrova, appunto, con le casse quasi vuote e non trova dignitoso scrivere un altro best seller su commissione.

Reduce dal flop di ben tre romanzi, deriso dai vicini e rifiutato dagli editori, con un colpo di genio lo scrittore trae ispirazione dalla pagina immacolata che lo spaventa, e inizia a scrivere su tetti imbiancati e alberi di Natale. Isolandosi dal mondo, si rimette a scrivere tra i problemi famigliari e quelli del padre (Jonathan Pryce), sperperatore e giocatore. Decide allora di pubblicare il libro personalmente e in sole sei settimane, metre gli ambienti quotidiani si popolano di vecchietti in camicia da notte e fluttuanti ospiti indesiderati, e la storia di “A Christmas Carol” (Racconto di Natale) prende vita.

“Dickens – L’uomo che inventò il Natale” è il coinvolgente racconto – in bilico tra realtà e incubo – della stesura della celeberrima favola invernale, la nascita di personaggi mitici e delle indimenticabili frasi di culto.

Un gustoso e affascinante spettacolo che non è solo per ragazzi né tantomeno il ‘solito polpettone biografico’ lungo e noioso, anzi diventa anch’esso un ‘magico racconto di Natale’ adatto e piacevole a grandi e piccoli. E non solo grazie alla sobria e allo stesso tempo vivace regia, alla tradizionale e perfetta ambientazione d’epoca – per cui i britannici hanno vinto parecchi Oscar -, a una giusta durata, ma anche a un cast “all british” in cui non solo Plummer primeggia. Affiancano i protagonisti Miriam Margolyes (Mrs. Fisk), Simon Callow (Leech), Ian McNeice (Chapman), Morfydd Clark (Kate Dickens), Annette Badland (Mrs. Fezziwig), Donald Sumpter (Jacob Marley) e Bill Paterson (Mr. Grimsby).

Nelle sale italiane dal 21 dicembre distribuito da Notorious