“Good Time”

Dopo “Heaven Knows What”, gli ormai noti registi Josh e Benny Safdie tornano sulle violente strade di New York City, ai Queens, con “Good Time”, un dramma-thriller (anche psicologico) travolgente che indaga con sorprendente sincerità la tragica influenza della famiglia e del destino. Uno stile semi documentaristico e un ritmo serrato tengono lo spettatore inchiodato alla poltrona, su un sogno che non diventerà realtà, a metà strada fra “Rain Man” e “Carlito’s Way”, ma senza love story.

Scritto dai registi e sceneggiato con Ronald Bronstein, il film narra la storia di due fratelli uniti da profonda amicizia ma divisi dalle circostanze e dalle istituzioni. Dopo che una maldestra rapina in banca fa finire in prigione il fratello minore ritardato, Nick (Benny Safdie, uno dei registi), Constantine “Connie” Nikas (un inedito ed efficace Robert Pattinson) intraprende una spericolata odissea nei bassifondi della città nel tentativo, sempre più disperato e pericoloso, di fare uscire di prigione Nick. Nel corso di una lunga nottata carica di adrenalina e imprevisti, Connie si trova a dover lottare contro il tempo, un altro delinquente e, soprattutto, contro il caso, per salvare il fratello ma anche se stesso, consapevole che le loro vite sono appese a un filo… sempre e comunque.

Premiato a Cannes (Miglior compositore Daniel Lopatin), International Cinephile Society Award (Miglior attore protagonista a Pattinson e Miglior Regia) e Boston Online Film Critics Association (Miglior Film dell’Anno), “Good Time” è un frenetico viaggio psicotico di sconvolgente intensità realizzato da due dei più talentuosi giovani registi indipendenti oggi in attività. L’eccezionale immaginario di Josh e Benny Safdie è un entusiasmante ritratto di disperazione e (auto) distruzione che non si riesce a dimenticare così presto come altri cosiddetti film di genere.

Nel cast la rediviva Jennifer Jason Leigh (Corey), riportata in scena da Quentin Tarantino in “The Hateful Eight” e da David Lynch in “Twin Peaks”; Barkhad Abdi (Dash), Buddy Duress (Ray), la rivelazione Taliah Webster (la sedicenne Crystal), Peter Verby (lo psichiatra), Gladys Mathon (Annie) e Necro (Caliph).

Nelle sale italiane dal 26 ottobre distribuito da Movies Inspired